Sostenibilità e rispetto di sé: prendiamo spunto dal mondo vegetale

Si parla molto di stili di vita sostenibili, di sostenibilità ambientale, facendo riferimento alle azioni virtuose che ognuno di noi può compiere per limitare l’inevitabile danno recato dalla nostra presenza sul pianeta.  Si parla anche di sostenibilità nell’accezione di sviluppo economico: dagli investimenti nelle energie rinnovabili alla produzione di  generi alimentari nel rispetto dell’ambiente.   Pur essendo questi temi di sicuro valore e di grande interesse in questo momento storico, guardando la mia esperienza personale, sto riflettendo più che altro sulla sostenibilità come alla  facoltà di vivere nel rispetto della propria vita nelle piccole scelte di tutti i giorni. Ovviamente il mio sguardo è rivolto con gratitudine al mondo delle piante per gli insegnamenti che ci possono offrire anche in questo ambito.

LEGGI DI PIU'

La resilienza delle piante

Vi è capitato di sentir nominare la parola “resilienza” ultimamente? Che cos’è la resilienza? Per chi ancora non ne avesse sentito parlare si tratta della capacità di resistere e reagire alle difficoltà della vita, mettendo in atto svariate strategie. Fondamentalmente per noi esseri umani è una questione di atteggiamento mentale volto a ottimizzare e sfruttare anche i momenti peggiori trasformandoli in opportunità.

LEGGI DI PIU'

Cronache da un terrazzo e da una vita in continua evoluzione

È davvero la prima volta che mi concedo una cosa come quella che sto facendo adesso: prendermi un’ora e mezza solo per me, accompagnato da Athena, l’affiatatissima cana nera di famiglia, andare in una caffetteria di Torino (nello specifico da Ratatouille, uno dei miei locali preferiti), accomodarmi e scrivere il mio blog.

LEGGI DI PIU'

Il respiro del bosco (terza parte)

Eccomi qui, seduto in cucina, mentre grondo sudore, nella totale assenza d’aria. Mia moglie, vicino a me, approfitta del tempo libero del weekend per studiare e Athena, la nostra cagnolina, adottata da poco, sbuffa sdraiata sul pavimento. Io le guardo con la coda dell’occhio, come un gatto sornione, davanti al computer, con le finestre aperte, dal lato della casa all’ombra, per godere di quel po’ di brezza (calda) che di tanto in tanto soffia in un agosto piemontese arroventato.

LEGGI DI PIU'

Il respiro del bosco (parte seconda)

Imboccando il sentiero che da San Romolo porta al Colle Termini di Perinaldo (direzione Monte Caggio) ci si addentra in un bosco fitto e a tratti buio, in cui si sente, sulla pelle e nelle narici, durante le calde giornate estive, il fresco umido del sottobosco. Sulla corteccia delle piante esposta a nord crescono muschio e licheni conferendo all’ambiente un aspetto quasi preistorico.

LEGGI DI PIU'

Il respiro del bosco (parte prima)

Ci sono luoghi che non riesco a smettere di frequentare. Esercitano su di me un’attrattiva magnetica. Ci ritorno sempre con un sentimento misto di curiosità e aspettativa e ogni volta non mi deludono. Questi luoghi sono boschi, riserve naturali, parchi.

LEGGI DI PIU'

Il "giardino diffuso" spontaneo, uno spunto di riflessione per i nostri giardini e terrazzi

Molto spesso mi sono ritrovato a pensare che il mio giardino preferito è quello spontaneo, selvatico, quello che non ha bisogno della mano dell’uomo, anche se parlare di mancanza di intervento umano nella natura che ci circonda è sempre un po’ illusorio. Questo perché la relazione che ci lega con il mondo vegetale e con l’ambiente naturale circostante è assolutamente inscindibile.

LEGGI DI PIU'

Le fioriture delle idi di marzo

Forse scomodare l’antico calendario romano per indicare questo particolare momento dell’anno è un po’ eccessivo, ma non ho resistito a fare un riferimento alla nostra storia, quindi che di idi si parli intendendo la metà del mese di marzo.

LEGGI DI PIU'

La mia Campania felix

Ci sono regioni del nostro Paese che sembrano essere il capro espiatorio di tutti i mali nazionali. La Campania è sicuramente uno di quei pezzi d’Italia caratterizzati da contraddizioni stridenti, stretta nella morsa di un profondo pregiudizio di chi non la conosce e della sofferenza di chi la conosce bene e la vorrebbe migliore; maltrattata  nei servizi aggressivi e mortificanti dei telegiornali nazionali; marchiata dall’epiteto di “Terra dei fuochi” in mano alla camorra; annebbiata dalle immagini da cartolina per turisti della Costiera Amalfitana, del Cilento, della Vecchia Napoli e delle isole. A me non interessa discutere nessuno di questi temi con questo breve articolo.

LEGGI DI PIU'